arcolbaleno

La questione della formazione nella scuola dell’infanzia coinvolge tanto le maestre quanto i genitori, in un percorso che può intercettare momenti di integrazione. Portare nella classe dei propri bambini le attitudini dei genitori, permette di sperimentare processi di consapevolezza reciproca tra bambini e adulti. Attraverso la riproposta in chiave ludico-partecipativa delle capacità e competenze che permettono di “portare il pane a casa”, si presentano sul tavolo della formazione infantile una serie di attività che esaltano la componente empatica tra la figura “esperta” e la classe.

 

Il Dirigente Scolastico, dott.ssa Luciana Lovecchio, dell’Istituto Comprensivo G. Pascoli di Massafra, ha accolto favorevolmente il progetto di tre genitori che (con i figli frequentanti la classe mista sez. E del Plesso Arcobaleno), intendono condividere il proprio “fare quotidiano”. Grazie al supporto delle maestre Luigia Convertino e Ada Paiano, ha preso vita il progetto di partecipazione attiva dei genitori che ha in programma tre incontri in cui si trascorre una mattina insieme.

Il primo appuntamento è stato il 21 maggio con “Questa maglietta l’ho fatta io”, un’esperienza di stampa su tessuto, a partire dalla creazione di matrici con materiali di riciclo, condotta da Grazia Tagliente (docente di Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Lecce).

Il secondo incontro è previsto il 28 maggio con “Le forme della pasta fatta a mano”, dove Emanuela Bleve, titolare del Pastificio “Vecchio Mulino” di Massafra, porta in classe l’antica arte della farina e della manifattura della pasta. A conclusione, martedì 29 maggio, Antonio Rollo (docente di Computer Art presso l’Accademia di Belle Arti di Bari) propone “Minuto Primo” una giornata per fare un salto nel magico mondo del cinema.

Leggi l'articolo su ViViMassafra