^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
erasmus1

Anche quest’anno, com’è ormai consuetudine, i ragazzi della scuola media “N. Andria” hanno aderito al progetto internazionale multikuturalità AMC Malta che rientra nei progetti PTOF e nel conseguimento delle certificazioni sostenute dall’I.C.”G. Pascoli”, sempre attento a promuovere lo studio delle lingue straniere.

L’esperienza di studio si è svolta nei giorni 22-25/03/2018 e vi hanno partecipato i ragazzi delle seconde classi più meritevoli nello studio della lingua inglese.

Partiti nella serata del 22 marzo dall’aeroporto di Bari Palese, gli alunni, accompagnati dalle professoresse Mastrangelo, Ranaldi, De Luca e Caricasole, sono giunti, dopo circa un’ora di volo, al Luqa aiport dove uno dei dipendenti della Link School of English ha accolto tutti i partecipanti, consegnando loro il materiale necessario per il giorno successivo.

L’indomani i ragazzi si sono presentati alla sede della Link School di St. Julian, dove hanno frequentato un corso Full Immersion di Lingua Inglese tenuto da docenti madrelingua, sostenendo un esame finale con rilascio attestato di livello A1/A2.

Nei giorni seguenti un’espertissima guida ha condotto il gruppo a visitare i luoghi di interesse storico e culturale dell’isola: la capitale La Valletta, le Tre città: Senglea, Cospicua e Vittoriosa con le vestigia del loro imponente passato, le viuzze fatte di salite e discese, di muri di pietra dai colori pastello e dai tanti gallarija o gardjoli, i coloratissimi e tradizionali balconi maltesi. Nelle tre città inoltre, è molto sentita la festività della Pasqua con le sue tradizionali celebrazioni religiose, per cui i ragazzi hanno avuto il privilegio di visitare cattedrali, mostre, installazioni e si sono immersi in una inconsueta e suggestiva atmosfera.

La mattina della partenza, il gruppo ha visitato Mdina, l’antica capitale di Malta, descritta come “silenziosa e notabile” per via del suo suggestivo borgo medievale, all’interno del quale si susseguono curve e bivi di incomparabile bellezza.

Questa esperienza è stata altamente formativa per i ragazzi che, attraverso il rispetto delle altre culture e la conoscenza di contesti diversi dal proprio, hanno potuto migliorare le proprie competenze e abilità linguistiche, aprendosi alla multiculturalità. Alla fine del viaggio, quindi tutti erano felici ed appagati per l’esperienza di studio e la bellezza dei luoghi visitati.

Katia Tagliente

 

Leggi l'articolo su ViViMassafra