^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

Il sorriso dei bambini non ha limiti né confini:

all’I.C. Pascoli di Massafra

adulti all’opera per mille e più sorrisi

di Katia Tagliente

un quadro di classe bis

Il 31 maggio scorso, l’I.C. Pascoli di Massafra ha organizzato una giornata durante la quale i genitori delle classi “Senza zaino” hanno condotto attività laboratoriali con gruppi di alunni, per far emergere la cura e l’attenzione degli adulti  verso i bambini, tenendo fede al modello operativo dell’artigiano di bottega al quale questo originale modello di scuola si ispira.

Il  “Senza Zaino Day”, ha avuto quindi  lo scopo  di festeggiare in modo rappresentativo i valori fondanti dello stesso, ovvero l’ospitalità, la responsabilità e la comunità.

È stata dunque una giornata dedicata ad attività che  hanno messo  insieme, fianco a fianco, alunni, genitori e docenti per vivere lo spirito della Comunità con azioni concrete, per tradurre la teoria in pratica operante.

Quest’anno la Rete Nazionale Scuole Senza Zaino ha proposto di mantenere lo slogan dello scorso anno “Il sorriso dei bambini non ha limiti né confini” …, ma con una riflessione particolare sull’impegno dei genitori per mantenere il sorriso dei bambini – mettendo quindi in campo anche il  contributo dei “grandi” alle iniziative della giornata.  

“Adulti all’opera - recita  ancora lo slogan - per mille e più sorrisi”. 

saluto del dirigente

Il 31 maggio 2017 al plesso Iacovelli le sinergie di tutti gli attori coinvolti hanno dato vita ad una giornata entusiasmante. Sono stati attivati ben 4 laboratori interattivi contemporanei, condotti dai genitori coadiuvati dall’azione dei docenti:  l’insegnante Rosaura Di Giuseppe, referente del team composto dagli insegnanti Giuseppe Bufano, Filomena Eramo, Rosanna Galante,  A. C. Galatone, Lucia Guido e  Rosa Martucci,  in un clima di operatività e fiducia.

Giochi di un tempo - elastici

Gli alunni si sono cimentati a rotazione con i “Giochi di un tempo”. Hanno imparato da mamme sprint il gioco della Campana, il gioco degli Elastici e delle Cinque pietre.

Nel  laboratorio “Un quadro di classe” i  genitori  hanno poi realizzato, con altre mamme creative e appassionate di arte, un quadro per celebrare la giornata, sperimentando tecniche artistiche varie.

Mani in pasta”,  guidato da una mamma e una nonna professioniste del mestiere, è il laboratorio che ha visto tutti interessati a  stendere sulle spianatoie impasti dolci e salati per fare degli ottimi tarallini, degustati durante la merenda del giorno successivo.

mani in pasta 3

Non poteva mancare il piacere dell’ascoltare storie che incantano  grandi e piccini. Due mamme hanno dato vita con il loro teatrino delle marionette ad una simpatica e coinvolgente versione della celeberrima favola “La cicala e la formica”.

La giornata è stata vissuta con grande entusiasmo e divertimento, ciascuno ha portato con sé a casa qualcosa di prezioso che diventa sempre più difficile da recuperare nelle relazioni scuola-famiglia, ovvero il piacere di stare insieme in armonia, in un clima di fiducia e rispetto reciproco, dove le parole lasciano spazio ai fatti, i mille sorrisi ad un obiettivo concreto e dove il bene comune diviene l’orizzonte condiviso per il futuro di tutti i bambini.

Un ringraziamento speciale va ai genitori delle classi Senza Zaino 2 A e 2 B Iacovelli e 3 A Pascoli, in particolare a quelli che hanno proposto e condotto i laboratori:

Barlafante V., Vamo M., D’Onghia T.,  Bianco A., Casili E., Calone B., Chiefa R., Gentile I., Marinò A., D’Alconso A., Stallo M., Barletta G., Laterza M. per i “Giochi di un tempo”.

Ciaurro C., Miraglia F. , Paola per lo spettacolo delle marionette.

Castellano M. G., Marangi A., Latorraca G., Carrieri A, Cito G. per “Un quadro di classe”.

Solito I., Balestra C., Martucci S., Laterza M., Pagliari A., Messia F. per “Le mani in pasta” con la supervisione della nonna G. Nisi.

Ognuno ha contribuito a rendere questa giornata significativa e generatrice di nuove esperienze.

Anche uno solo in meno avrebbe fatto la differenza.

spettacolo marionette 2  

 Leggi l'articolo su ViviMassafra